“I’m not a chef, I’m Italian”- David Rocco

Sunday, May 1, 2016

My Path to Guardia...Il mio percorso di Guardia ...


Many people are always fascinated by my background. “Oh you’re an opera singer? But you’ve danced professionally and now you’re a chef?!?!” Long story short, yes. All three. But now, I don’t want to tell you the short story, I want to tell you the long story.

With Marcello Giordani 
I started performing professionally at the age of ten. By the time I got to high school, my schedule was that of an adult. Wake up at 6am. Go to school. Dance lesson. Voice lessons. Auditions.  Late night rehearsals or performances. I’d get home past midnight, do homework, get a few hours of sleep and then do it all again the next day. But I loved it. I loved performing. I loved singing and dancing and wearing pretty costumes. When I was just 18 I got my big break. I was personally invited by Marcello Giordani, the LEAD tenor of the Metropolitan Opera, to sing as a soloist at the launch of his foundation. I specifically remember reading the e-mail on my phone while sitting in Bryant Park ( in NYC)  waiting to meet my mother. When she called to tell me she was across the street, I practically ran through the cars to tell her the good news. It turned out in that same line-up for this event was David Miller of the hit group, Il Divo and one of my idols growing up, Broadway veteran, Lisa Vroman. To say I was intimidated was an understatement. But I did what I always did. I got up and sang my heart out. Shortly after that, I began lessons with a top voice coach in NYC, who was the coach of Lisa Vroman and many Met artists and who had seen me in the concert. Through that coach, I ended up participating in an Opera Festival on the beautiful island of Ischia, just off the coast of Naples.

This was my first trip to Italy and I could not have been more excited. Through that trip, I gained something I wasn’t originally looking for; a new sense of pride in all things Italian. Suddenly the rest of the world looked different to me.  I came home after three weeks a changed person. Something had clicked. I felt a new passion in everything I saw and somehow wanted to find a way to bring that passion into everyday life, but how?

I returned to my routine in NYC but something wasn’t right. Not only was I different, but I started to realize opera no longer suited me. Opera no longer seemed fun. I didn’t like that I had to dress down for auditions. After all, I’m an artist and the way I dress is just a further extension of who I am. It just started to feel too restrictive for my personality and once you lose passion, what’s the point?

In Ischia, Summer of 2011
A friend told me she was starting an opera/burlesque troupe and asked if I would want to join. I didn’t even need to think about it. I had been dancing since I was five and the chance to combine burlesque and opera just seemed like the perfect fit for me. Finally, I could get away with wearing crazy clothing AND singing. This was my opportunity to get back to performing with passion.

As I started performing more in Burlesque, the opera suddenly took a back seat. After all, burlesque was really a way to express myself through movement and sound. This was the performing that I grew to love. I finally felt that “passion” coming into my everyday life. And in the back of my mind, was always Italy.

When my Burlesque Troupe was featured 
in Time Out New York
Though Ischia was a memory from a year earlier, it was there. The culture, the beauty, the history, the architecture, the people, the food, everything. Those three weeks in Ischia changed me. I had always taken great pride in my Italian ancestry, but somehow being in Italy just made my pride stronger. I had always loved cooking, but the food in Italy was a completely new experience and that love for food just blossomed. Now, I turned every meal into a full experience. Even if it was just making myself eggs for breakfast, I looked for ways to bring art and creativity onto the plate. Not only could you see the passion, but you could taste it. As I got more involved in everything Italian, I launched this blog, La Cucina della Prima Donna. This was an outlet for me to talk about my love for all things Italian. As I got more involved in the culinary industry, burlesque was something I did in the evening and opera was no longer in the picture. I wanted to figure out a way to take everything to the next level. 

One of the dishes I made in Florence

In the fall of 2013 I decided to go to culinary school in Florence. I wanted to garner some basic techniques of Italian cooking. By this point, I had won numerous recipe contests and had recipes published in cookbooks and magazines, but I wanted to do more and decided to do that in a way that felt completely natural to me…through performance.

Cooking at the James Beard House in NYC
In January of 2014 I launched “Magic & Pasta Events.” After being in Rome in December of 2013, I read a quote in a pizzeria, “Life is a combination of magic and pasta”- Federico Fellini. That’s when it clicked. Fellini had it right. I wanted my life to be a perfect combination of magic and food. This was the way of bringing passion into everyday life…..through magic and pasta (and other foods.) I had the idea of running a secret supper club where cooking was an open experience. I would use an open dining/kitchen space so that guests could see the “magic” behind my creations in the kitchen. Guests could watch and even participate. These would be public events so anyone was welcome and what made these events more “experimental” was that most of the guests would not know each other, but would be seated together at communal tables and therefore, encouraged to interact with each other (After just a little over a year, in March 2015, my supper club ended up on NewYork.com’s 8 Best Supper Clubs in New York, right up there with Gabriele Corcos, of the hit Cooking Channel Show, Extra Virgin.)

Fast forward to May 2014. I was set to go to Florence in the fall and begin my search for an apartment. That’s right. I had decided I would move to Florence. After all, I already had a lot of friends and connections there and I loved it, so where better to begin my life full time in Italy? We were also considering looking for a small house in Le Marche, Puglia or Sala Consilina (where my great grandfather was born). But one day, my mom was watching an episode of House Hunters International and this particular episode took place in Guardia Sanframondi (featuring the lovely artist, Clare Galloway.) My mom thought it seemed like an interesting place and suggested we go to see it. We changed a lot of our plans so that we could add a week in Guardia. We would go to Guardia first to look for a house and then I would head to Florence for two months to do some work and apartment hunt. We arrived in Guardia in October 2014 and I instantly fell in love, but in the six days we were there, I did not find my dream house. When I got to Florence, I immediately missed Guardia. I felt that Guardia was somehow part of my path and now I could not picture myself living anywhere but there. There were so many coincidences that made me think that Guardia was supposed to be where I ended up. The biggest of which, my grandfather was born just two hours away from Guardia in Sala Consilina and the man who ended up selling us our house; his grandfather was born in Sala Consilina as well. To me, being in a town so close to where my family came from was a very special feeling. My plan was always to relocate to Italy, but I never dreamed I would end up being this close to where it all began for my family.

On my balcony in Guardia

In Sala Consilina, Summer 2015 
We are responsible for our own decisions but I do believe that our path has been chosen for us, even if we don’t know it yet. Had I not decided to perform in an opera festival in Ischia in the summer of 2011, I might have never gotten over my fear of flying and gotten on that plane and come to Italy. Had I not come to Italy, I might not have reignited the flame for all things Italian. Had I not gone to cooking school in Florence, I might not have decided to open “Magic & Pasta Events.” Had I not lived in Florence briefly, I might have never decided to relocate to Italy permanently. Had my mom not watched House Hunters International, I might not have added Guardia to my itinerary. Had I not come to Guardia, I would most likely be living in Florence right now. And had I not come to Guardia, then I wouldn’t be here typing right now, with the sun shining through my balcony door and with my path full of beautiful, glowing opportunities…


Molte persone sono sempre affascinati da mio background. "Oh, sei un cantante d'opera? Ma hai ballato professionalmente e ora sei un cuoco?!?! "Per farla breve, sì. Tutti e tre. Ma ora, non voglio raccontarvi la storia breve, voglio dire la lunga storia.

Con Marcello Giordani
 dopo il nostro concerto
Ho iniziato a svolgere professionalmente all'età di dieci. Con il tempo ho avuto
modo di liceo, il mio programma era quello di un adulto. Svegliati alle 6 del mattino. Andare a scuola. lezione di danza. lezioni di canto. Audizioni. Tarda notte prove o spettacoli. Sarei a casa dopo la mezzanotte, fare i compiti, ottenere un paio d'ore di sonno e poi fare tutto di nuovo il giorno successivo. Ma mi è piaciuto. Ho amato l'esecuzione. Ho amato cantare e ballare e indossare bei costumi. Quando avevo appena 18 ho avuto la mia grande occasione. Sono stato invitato personalmente da Marcello Giordani, il primo tenore del Metropolitan Opera, a cantare come solista in occasione del lancio della sua fondazione. In particolare mi ricordo di aver letto l'e-mail sul mio cellulare mentre era seduto in Bryant Park (a New York) in attesa di incontrare mia madre. Quando ha chiamato per dirmi che era dall'altra parte della strada, ho praticamente fatto funzionare attraverso le auto di dirle la buona notizia. Si è scoperto in quella stessa line-up di questo evento è stato David Miller del gruppo di successo, Il Divo e uno dei miei idoli crescere, Broadway veterano, Lisa Vroman. Per dire che sono stato intimidito era un eufemismo. Ma ho fatto quello che ho sempre fatto. Mi alzai e cantato il mio cuore. Poco dopo, ho iniziato le lezioni con un allenatore voce superiore a New York, che è stato l'allenatore di Lisa Vroman e molti artisti Met e che aveva visto in concerto. Attraverso che l'allenatore, ho finito per partecipare ad un Festival Opera sulla bellissima isola di Ischia, al largo della costa di Napoli.

Questo è stato il mio primo viaggio in Italia e non avrebbe potuto essere più eccitato. Attraverso quel viaggio, ho guadagnato qualcosa che non è stato originariamente cercando; un nuovo senso di orgoglio in tutte le cose italiane. Improvvisamente il resto del mondo sembrava diverso da me. Sono tornato a casa dopo tre settimane una persona cambiata. Qualcosa era fatto clic. Ho sentito una nuova passione in tutto quello che ho visto e in qualche modo voluto trovare un modo per portare questa passione nella vita di ogni giorno, ma come?

Sono tornato alla mia routine a New York, ma qualcosa non andava. Non solo ero diverso, ma ho iniziato a capire l'opera non è più adatto a me. Opera non sembrava più divertente. Non mi piace che ho dovuto vestire giù per le audizioni. Dopo tutto, io sono un artista e il mio modo di vestire è solo un'ulteriore estensione di ciò che sono. E 'appena iniziato a sentire troppo restrittivo per la mia personalità e una volta si perde la passione, qual è il punto?

Ad Ischia, Estate 2011
Un amico mi ha detto che stava iniziando un'opera / burlesque troupe e ha chiesto se vorrei aderire. Non ho nemmeno bisogno di pensarci. Avevo ballato da quando avevo cinque anni e la possibilità di combinare burlesque e opera sembrava solo la misura perfetta per me. Infine, ho potuto ottenere via con indossare abiti folli e cantare. Questa era la mia occasione per tornare a suonare con passione.
Come ho iniziato l'esecuzione di più in Burlesque, l'opera d'improvviso ha preso un sedile posteriore. Dopo tutto, il burlesque è stato davvero un modo per esprimere me stesso attraverso il movimento e il suono. Questo è stato il performante che sono cresciuto ad amare. Alla fine ho sentito che "la passione" venire nella mia vita di tutti i giorni. E nella parte posteriore della mia mente, era sempre l'Italia.

Quando il mio Burlesque Troupe è stato descritto
 in Time Out New York
Anche se Ischia era un ricordo da un anno prima, era lì. La cultura, la bellezza, la storia, l'architettura, la gente, il cibo, tutto. Quelle tre settimane a Ischia mi ha cambiato. Avevo sempre avuto l'orgoglio di mia origini italiane, ma in qualche modo essere in Italia appena fatto il mio orgoglio più forte. Avevo sempre amato cucinare, ma il cibo in Italia è stata un'esperienza completamente nuova e che l'amore per il cibo appena sbocciato. Ora, ho girato ogni pasto in un'esperienza completa. Anche se era solo farmi uova per la colazione, ho cercato modi per portare l'arte e la creatività nel piatto. Non solo si poteva vedere la passione, ma si poteva assaggiare. Come ho avuto più coinvolto in tutto quello italiano, ho lanciato questo blog, La Cucina della Prima Donna. Questo è stato uno sbocco per me parlare del mio amore per tutte le cose italiane. Come ho avuto più coinvolti nel settore culinario, burlesque era qualcosa che ho fatto la sera e l'opera non è più nella dell'immagine erano. Volevo trovare un modo per prendere tutto al livello successivo.

Uno dei piatti che ho creato a Firenze
Nell'autunno del 2013 ho deciso di andare a scuola di cucina a Firenze. Ho voluto raccogliere alcune tecniche di base della cucina italiana. A questo punto, avevo vinto numerosi concorsi di ricette e aveva ricette pubblicate nei libri di cucina e riviste, ma ho voluto fare di più e ha deciso di farlo in un modo che si sentiva completamente naturale per me ... attraverso la performance.

Ospitare un evento veneziano "Magic & Pasta"
Nel gennaio del 2014 ho lanciato " Magia & Pasta Eventi." Dopo essere stato a Roma nel dicembre del 2013, ho letto una citazione in una pizzeria, "La vita è una combinazione di magia e pasta" - Federico Fellini. Questo è quando si fa clic. Fellini aveva ragione. Volevo che la mia vita per essere una perfetta combinazione di magia e cibo. Questo era il modo di portare la passione nella vita di tutti i giorni ... magia ..through e pasta (e altri alimenti.) Ho avuto l'idea di gestire un club di cena segreta dove la cucina è stata un'esperienza aperta. Vorrei usare una sala da pranzo / cucina aperta in modo che gli ospiti potessero vedere la "magia" dietro le mie creazioni in cucina. Gli ospiti possono guardare e persino partecipare. Questi sarebbero gli eventi pubblici in modo che chiunque è stato il benvenuto e ciò che ha reso questi eventi più "sperimentale" è stato che la maggior parte degli ospiti non avrebbero conoscersi, ma sarebbero seduti insieme in tavoli comuni e quindi, incoraggiati ad interagire con l'altro (Dopo appena poco più di un anno nel mese di marzo 2015, il mio supper club finì su 8 supper migliori club di NewYork.com a New York, proprio lì con Gabriele Corcos, del colpo di cottura Canale Show, Olio Extra Vergine.)

Cottura al James Beard House di New York
Fast forward al maggio 2014. I è stato impostato per andare a Firenze in autunno e iniziare la mia ricerca di un appartamento. Giusto. Avevo deciso avrei trasferirsi a Firenze. Dopo tutto, ho già avuto un sacco di amici e connessioni lì e mi è piaciuto, così quale posto migliore per iniziare la mia vita a tempo pieno in Italia? Siamo stati anche prendendo in considerazione alla ricerca di una piccola casa nelle Marche, Puglia e Sala Consilina (dove il mio bisnonno è nato). Ma un giorno, la mia mamma stava guardando un episodio di House Hunters International e questo particolare episodio ha avuto luogo a Guardia Sanframondi (con la bella artista, Clare Galloway.) Mia madre ha pensato che sembrava un posto interessante e ha suggerito che andiamo a vederlo. Abbiamo cambiato un sacco di nostri piani in modo da poter aggiungere una settimana a Guardia. Andavamo a Guardia primo a cercare una casa e poi vorrei andare a Firenze per due mesi di tempo per fare un po 'di lavoro e caccia appartamento. Siamo arrivati ​​a Guardia nel mese di ottobre 2014 e ho subito innamorati, ma nei sei giorni che eravamo lì, non ho trovato la mia casa da sogno. Quando sono arrivato a Firenze, ho subito perso Guardia. Sentivo che Guardia era in qualche modo parte del mio percorso e ora non ho potuto immaginare me stesso vivere ovunque ma lì. C'erano così tante coincidenze che mi hanno fatto pensare che Guardia doveva essere dove sono finito. Il più grande dei quali, mio ​​nonno è nato solo due ore di distanza da Guardia a Sala Consilina e l'uomo che ha finito per noi vendere la nostra casa; suo nonno è nato a Sala Consilina pure. Per me, essere in una città così vicino a dove la mia famiglia proveniva da era una sensazione molto speciale. Il mio piano era sempre a trasferirsi in Italia, ma non ho mai sognato che finirebbe per essere così vicino a dove tutto ha avuto inizio per la mia famiglia. 

Sul mio balcone a Guardia

Di fronte alla casa dove il mio bisnonno e nato
Sala Consilina, Estate 2015
Noi siamo responsabili delle nostre decisioni, ma credo che il nostro percorso è stato scelto per noi, anche se non sappiamo ancora. Se non avessi deciso di esibirsi in un festival dell'opera a Ischia nell'estate del 2011, ho potuto mai ottenuto sopra la mia paura di volare e ottenuto su quel piano e venire in Italia. Se non avessi venire in Italia, forse non avrei riacceso la fiamma per tutte le cose italiane. Io non ero andato a scuola di cucina a Firenze, forse non avrei deciso di aprire "Magic & Pasta Events." Se non avessi vissuto a Firenze per breve tempo, avrei potuto mai deciso di trasferirsi in Italia in modo permanente. Era mia mamma non guardati Hunters International House, che potrebbero non hanno aggiunto Guardia al mio itinerario. Non era venuto a Guardia, sarei molto probabilmente vive a Firenze al momento. E se non vengo a Guardia, allora io non sarei qui a digitare in questo momento, con il sole che splende attraverso la mia porta del balcone e con il mio percorso pieno di belle, opportunità incandescente ...