“I’m not a chef, I’m Italian”- David Rocco


Wednesday, December 2, 2015

Tornando alle mie radici....

English Version Below

Dopo appena un mese e mezzo a New York, ora sono tornato nella mia nuova casa della bella Guardia Sanframondi. Fin dall'inizio, quando ho detto ai miei amici torna negli Stati Uniti, che mi muovevo qui, la prima domanda è stata: "Perché?" Beh, ti dirò. E 'una lunga storia, ma cercherò di essere breve.

Quattro anni fa, quando sono arrivato in Italia, ho capito che volevo continuare a venire e, infine stabilirsi qui. Dopo tutto, questo è dove la mia famiglia è originaria. Questo è dove il mio sangue è. Il mio cuore. La mia anima appartiene in Italia. Ma io non sapevo dove in Italia. Sentivo che c'era un posto perfetto per me, ma io non avevo ancora trovato. La mia prima intenzione era quella di stabilirsi a Firenze, ma dopo essere venuto a Guardia, mi sono reso conto che stavo cercando un cambiamento molto drastico e Guardia era che il cambiamento. Sono cresciuto ascoltando mia madre mi raccontare storie della sua infanzia e crescere a Williamsburg, Brooklyn, dove così molti dei residenti erano italiani. Era una comunità sicura, tutti si conoscevano, bambini potevano giocare in strada e sapere che la mamma di qualcuno o nonna stava guardando fuori per loro. Questo è quello che volevo e ho davvero sentito che potrei avere quella sensazione di fiducia, la sicurezza e la comunità di Guardia. Quello che non sapevo, però, era solo quanto vicino Guardia è stato quello di dove è nato mio bisnonno.

Giusto. Il mio bisnonno è nato a Sala Consilina, a due ore di distanza da Guardia. Mi sentivo come se questo fosse il modo di Destino di dirmi ancora di più in modo che Guardia era il posto per me. Questa era la mia nuova casa, perché in un certo senso, era come la mia famiglia non ha mai lasciato. Mi è stato concepito per essere qui.

L'estate scorsa, mia madre e sono andato con un amico a Sala Consilina e sono stati effettivamente in grado di ottenere una copia del certificato di nascita del mio bisnonno. E 'stata un'esperienza molto emozionante e commovente per noi, uno che non dimenticherò mai. In realtà, abbiamo anche visitato la casa dove è nato. Qui siamo stati, in piedi nella città dove le radici della mia famiglia sono. E 'stato ancora più speciale dal momento che ora vivo a sole due ore di distanza.

Credo che il destino mi ha portato qui per un motivo. Torna al punto in cui la mia famiglia è originaria. Torna a dove posso essere parte di quel grande bella comunità italiana. Torna a dove dovrei essere. Ritorno a casa.
 
Inglese version ..
Coming back to my roots…
 
After just a month and a half in NYC, I am now back in my new home of beautiful Guardia Sanframondi. From the beginning, when I told my friends back in the states that I was moving here, the first question was “why?” Well, I’ll tell you. It’s a long story, but I’ll try to keep it brief.
Four years ago when I first came to Italy, I knew I wanted to keep coming and eventually settle here. After all, this is where my family is from. This is where my blood is. My heart. My soul belongs to Italy. But I didn’t know where in Italy. I felt there was a perfect place for me, but I just hadn’t found it yet. My first intention was to settle in Florence, but after coming to Guardia, I realized I was looking for a very drastic change and Guardia was that change. I grew up listening to my mother tell me stories about her childhood and growing up in Williamsburg, Brooklyn, where so many of the residents were Italians. It was a safe community, everybody knew each other, kids could play on the streets and know that someone’s mama or nonna was looking out for them. That’s what I wanted and I really felt I could have that feeling of trust, safety and community in Guardia. What I didn’t know though, was just how close Guardia was to where my great grandfather was born.
That’s right. My great grandfather was born in Sala Consilina, just two hours away from Guardia. I felt like this was Fate’s way of telling me even more so that Guardia was the place for me. This was my new home, because in a sense, it was like my family never left.  I was meant to be here.
This past summer, my mother and I went with a friend to Sala Consilina and were actually able to get a copy of my great grandfather’s birth certificate. It was a very emotional and moving experience for us, one that I will never forget. In fact, we even visited the house where he was born. Here we were, standing in the town where my family’s roots are. It was even more special since I now live just two hours away.
I believe fate brought me here for a reason. Back to where my family is from. Back to where I can be part of that big beautiful Italian community. Back to where I am supposed to be. Back home.